I documentari che volevi sulla storia del rave – parte 1/4

Ore e ore di feste dal 1988 al 2016.

Quando qualcuno tira fuori una videocamera durante un rave o in un club solitamente si crea un panico generale per paura di essere filmati mentre si balla.
Questo fenomeno culturale è stato importante per le generazioni e siamo lieti che per decenni ci sia stata gente pronta a documentare la storia del rave.

Dalla acid house alla EDM, dalla jungle alla GQOM, dalla drum ‘n’ bass alla techno, la diversità è vastissima e ogni sottocultura ha la sua storia e un impatto nel mondo.

Se siete interessati ad imparare la storia del rave, siete nel posto giusto.
I numerosi documentari elencati di seguito forniscono una panoramica dei movimenti che hanno lasciato il segno.
C’è tantissimo materiale da esplorare, rimarrete fissi allo schermo per ore.

WORLD IN ACTION – A TRIP AROUND ACID HOUSE (1988)

Questo film ITV va in profondità esplorando la acid house e il panico morale spinto dai media britannici.

THE SUMMER OF RAVE (1989)

In cui la BBC celebra l’energia positiva generata dalla cultura rave degli anni 80.

E IS FOR ECSTASY (1992)

In questo documentario illuminante la BBC segue un gruppo di consumatori di ecstasy per determinare le motivazioni che le persone hanno per assumere la droga e il suo impatto culturale nel mondo.
Parallelamente alle storie affianca considerazioni di professionisti del settore sanitario in merito ai potenziali effetti dannosi di questa droga.

ALL BLACK JUNGLE FEVER (1994)

“England’s not just The Beatles.”
Ritorno alla nascita della jungle, con l’ascesa della computer-made music e della MC culture.

LOLA DA MUSICA: GABBERS (1995)

Con un ritmo medio di circa 170 bpm, la gabber è uno dei generi più frenetici della dance music mai realizzati.
Non è certamente per tutti, ma la sua popolarità in Olanda era astronomica, e, come il nome del genere indica (gabber dallo slang Bargoens sta per amico), è stato costruito sull’amore e la comunità.

DANCING ON NARROW GROUND: YOUTH & DANCE IN ULSTER (1995)

Desmond Bell guarda al panorama politico dell’Irlanda del nord negli anni ’90 attraverso la lente della cultura rave, le domande e la narrazione idealizzata dell’impatto dei rave, chiedendo se ha avuto effetti unificanti di lunga durata o se la tregua fosse solo temporanea.

 

Nel prossimo articolo: l’evoluzione della dance music dal 1996 al 2006. Da John Cage a Nick Höppner passando per i Kraftwerk.

Immagine di copertina: James Joyce
Fonte: mixmag